Come sono i tirocini in Spagna?

Parliamo dei tirocini in Spagna. Come sono? Funziona allo stesso modo che nel Regno Unito o negli altri paesi d’Europa?

Prima del 1992 i tirocini esistevano solo nei campi dell’istruzione e della medicina. Da allora sono stati integrati nella maggior parte dei corsi e gli studenti vanno a farli molto più spesso. In Spagna, il tirocinio non è la stessa cosa della Francia o della Germania. Infatti, i tirocini fanno parte del curriculum e combinano teoria e pratica, fornendo un po’ di esperienza. Per questo la maggior parte delle università incorporano nel corso di studi un tirocinio obbligatorio.
Puoi trovare due tipi di tirocinio:
• Tirocini per studenti: sono obbligatori, organizzati dalle università e regolati con un accordo tra l’università e l’azienda. Ad ogni studente è assegnato un tutor dall’azienda e un altro dall’università. Generalmente, gli studenti ricevono uno stipendio, ma è anche possibile ricevere una borsa di studio per compensare le spese. Il tirocinante ha l’assicurazione dello studente e un’altra supplementare dall’università. Il tirocinante non sarà mai considerato come un vero impiegato.

• Tirocini per laureati giovani: non c’è nessuna legge su questo tipo di tirocinio. Di solito questo tirocinio si fa attraverso un accordo tripartito proposto dall’università o da un’associazione come l’Università Pubblica di Navarra, Diálogo Associazione e il programma Eurodyssée. È possibile proporre un accordo mutuo con il datore di lavoro e comprare un’assicurazione individuale, ma questo non succede molto spesso. I tirocinanti ricevono borse di studio ma non mantengono ufficialmente il lavoro, quindi non c’è nessuna relazione contrattuale. È anche importante non confondere questa posizione con un contratto di tirocinio, molto comune tra i giovani laureati: nel primo caso paghi alla previdenza sociale, nel secondo caso ricevi uno stipendio.

In Spagna l’orario di lavoro è diverso dagli altri paesi: i giorni lavorativi finiscono più tardi (verso le 7 o 8 di sera); la pausa pranzo inizia verso le 2 e finisce alle 5; la settimana lavorativa è in tutto di 40 ore.

Alcuni consigli se vuoi fare domanda:
Il tuo CV sarà più importante della tua lettera d’accompagnamento. Quindi prova a scrivere un buon CV (1 o 2 pagine) in una maniera chiara, semplice e precisa. Lo scopo, naturalmente, è essere chiamato a fare un colloquio. Fai attenzione agli errori d’ortografia perché gli spagnoli sono molto esigenti per questo.
Adesso sei pronto per fare un tirocinio in Spagna. L’ultimo man non meno importante consiglio: non dimenticare di essere te stesso e sorridi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *